Fini: “Il naziskin è una testa vuota”

“E’ essenziale la condivisione di valori. Il Pdl è la negazione di ogni tipo di pregiudizio. Non ci sono steccati, né barriere. La grande sfida del presente è l’integrazione dello straniero. Il razzismo di oggi é un fenomeno diverso rispetto al passato. Oggi è folle pensare che ci sia qualcuno che pensi ad una superiorità etnica. Il naziskin, la testa rasata, è una testa vuota. Ma se noi dobbiamo rispetto a chi viene da noi, é altrettanto evidente che chi viene da noi deve avere rispetto verso la nostra società. In questa specie di labirinto se ne esce così”. Lo ha detto oggi il presidente della Camera, Gianfranco Fini, intervistato dal direttore del Corriere della sera, Paolo Mieli, alla festa del Pdl di Milano.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.