Travaglio: “Gli interessi privati di Berlusconi in conflitto con i nostri si moltiplicano ogni giorno”

“Nell’ottimo e abbondante Circo Massimo, Uolter ha tenuto fede al suo tic di non nominare Berlusconi. (…) Purtroppo non ha mai citato neppure il conflitto di interessi. Che sarà anche un’espressione riduttiva, come dice Michele Serra. Ma allora troviamole al più presto un sinonimo che renda l’idea. Chiamiamolo Pippo, o Giggetto, ma chiamiamolo.Perchè intanto gli interessi privati dell’Innominato in conflitto con i nostri si moltiplicano di giorno in giorno. L’ha scritto il ‘New York Times’: “Ci sono due tipi di italiani: quelli che lavorano per lui e quelli che lo faranno”.

Con la scusa della crisi, Berlusconi annuncia “aiuti di Stato alle imprese”, e lui guardacaso possiede imprese. Il governo stanzia somme enormi per garantire le banche, e lui guardacaso ha una banca, Mediolanum (impelagata nell’affaire Lehman), e una figlia nel cda di Mediobanca, che controlla quote decisive in Telecom, Generali e Rcs. Intanto la Libia investe in Unicredit (socio di Mediobanca), dopo che il premier ha regalato 5 miliardi di dollari (in vent’anni) al regime di Gheddafi, in cambio di non si sa cosa. Insomma quei soldi pubblici potrebbero rientrare in italianissime e privatissime tasche, magari anche sue. Mediaseti è in crisi di share e di Borsa, e lui che fa? Prima invita a investire in titoli di aziende italiane, segnalando – bontà sua – “le tre più sottovalutate: Iri, Eni e Mediaset”. Poi incontra gli industriali, sempre per parlare di crisi, e pensa bene di aggravare quella della rai sua concorrente: giustifica chi non paga il canone e domanda: “Come fate ad accettare che la Rai inserisca i vostri spot in programmi che diffondono panico e sfiducia?”. un modo come un altro per invitarli a dirottare gli spot su mediaset. Intanto seguita a controllare due reti Rai su tre. Infatti Tg1 e Tg2 – secondo l’Agcom – dedicano al governo rispettivamente il 58 e il 65 per cento degli spazi politici, per non parlare delle reti Mediaset (64,5 il Tg5, 80 il Tg4)…”. E’ quanto scrive il giornalista Marco Travaglio, nella sua rubrica settimanale “Signornò”, sul settimanale “L’Espresso”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.