Obama, vittoria cruciale

La Camera dei deputati Usa ha approvato la maxi riforma sanitaria consegnando nelle mani del presidente Barack Obama una vittoria cruciale.
220 voti a favore e 215 contro, con il voto di un repubblicano, la Camera ha approvato il disegno di legge che estenderà la copertura sanitaria a quasi tutti gli americani e impedirà l’applicazione di pratiche assicurative come il rifiuto di dare copertura a persone già ammalate.
1.000 miliardi di dollari si stima costerà la riforma, critiche dai repubblicani per le nuove tasse sui più ricchi e per quella che loro definiscono un’interferenza eccessiva del governo nel settore sanitario privato.
I democratici hanno applaudito quando la presidente della Camera Nancy Pelosi ha battuto il martelletto ed ha annunciato i risultati.
Adesso la battaglia passa in Senato, la riforma comporta dei cambiamenti nel sistema sanitario americano per 2.500 miliardi di dollari, che rappresenta un sesto dell’economia Usa.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.